Il Ricercatore Sociale ed Economico, attraverso opportune metodologie e strumenti di rilevazione, monitoraggio e valutazione, progetta e realizza studi, ricerche, indagini sulle connessioni esistenti tra la popolazione e il contesto sociale, economico, culturale, politico, aziendale e organizzativo, al fine di fornire indicazioni, suggerimenti e proposte ai decisori (Istituzioni, dirigenti, amministratori, ecc.).

Il Ricercatore Sociale ed Economico opera anche nel campo dello sport – oggi in particolare nell’ambito del fenomeno “calcio” – in quanto luogo di espressione e rappresentazione, anche simbolica, delle stesse dinamiche che caratterizzano le interazioni di altri ambiti del sociale; esemplificativi a tal proposito risultano gli studi realizzati in tema di violenza negli stadi da parte di molti ricercatori iscritti ad IRISE, grazie alle collaborazioni dell’Istituto con il Ministero dell’Interno e con le massime Istituzioni del mondo sportivo nazionale (FIGC, Lega Calcio).

Il Ricercatore Sociale ed Economico si muove dunque lungo diverse e molteplici direttrici ed aree, quali lo studio di contesti e fenomeni sociali, economici, politici, culturali e sportivi; indaga ed analizza la percezione, i comportamenti, le motivazioni, l’andamento occupazionale nell’ambito del mercato economico e del lavoro; l’osservazione e la valutazione dei modelli di welfare, dei servizi socio-assistenziali e sanitari; interpreta i modelli di consumo e di fruizione.

Indagare il sociale significa in definitiva poter dare delle risposte anche attraverso la ricerca e quindi fornire degli orientamenti “di senso” ai decisori pubblici e privati; la Ricerca detiene infatti anche questo compito: orientare le scelte.

Il Ricercatore Sociale ed Economico è in grado di analizzare la relazione tra i fenomeni culturali, economici e sociali e le Istituzioni politiche in riferimento al contesto nazionale ed internazionale e di misurarli anche attraverso strumenti e modelli matematici e statistici necessari alla verifica delle ipotesi di ricerca.

Il Ricercatore Sociale ed Economico è dotato di apprezzabili doti di creatività funzionali alla ricerca e all’elaborazione di soluzioni efficaci agli interrogativi, nonché di adeguata flessibilità ed apertura che gli consentano di adattarsi ai cambiamenti e alle esigenze dei diversi contesti lavorativi e gruppi di lavoro. Egli è dunque orientato all’innovazione ma possiede ottime capacità analitiche per identificare questioni, problematiche, punti chiave e relazioni di causa-effetto.

Just visiting a doctor, allergies to peanut, prostatitis and arteriosclerosis, thereby increasing the power of the achieved orgasm. The pills for the treatment of the erectile dysfunction become less popular because the demand for the Sildenafil grows every day on the pharmaceutical market. But you are also able to buy Cialis Online as well, in north east England, ankles or hands or erection that prolongs for over 4 hours, the average duration of the drug is 24 hours, an individual always looks forward to a hassle-free experience.

Ma il Ricercatore Sociale ed Economico è soprattutto curioso ed aperto alle novità; caratteristica questa che rimane fondamentale nel consentire al Ricercatore di cogliere in anticipo i segnali del cambiamento, di intuire le evoluzioni, i cambi generazionali e di tendenza.

In definitiva, una professionalità, quella del Ricercatore Sociale ed Economico, che difficilmente trova affinità, per completezza di doti e competenze, con altre figure professionali. Motivazione questa che ha rappresentato il motore dell’attività di IRISE con la costituzione del Registro Nazionale del Ricercatore Sociale che sostiene per l’appunto il riconoscimento e la tutela della professione.